Sale e zucchero: ecco come diminuirli

Il gusto per sale e zucchero è quasi innato: siamo abituati fin dalla preistoria a consumare cibi salati, mentre la voglia di zucchero potrebbe essere una risposta involontaria alla necessità energetica dell’organismo.

Entrambi questi condimenti vengono però utilizzati in modo eccessivo, comportando danni per la salute: lo zucchero apporta 4kcal a grammo, facilita la comparsa di carie e sbilancia la risposta ormonale al senso di sazietà facendoci preferire il consumo di cibi più calorici ma meno sazianti, e quindi mangiare di più; il sale invece è il principale responsabile dell’innalzamento della pressione arteriosa, aumentando di conseguenza anche il rischio di tumore allo stomaco, e favorisce anche l’osteoporosi attraverso la perdita di calcio con l’urina. Per beneficiare dei vantaggi per l’organismo del sodio (utile per il sistema nervoso, le ossa, i muscoli) basterebbe quello contenuto naturalmente nei cibi senza aggiungere sale, fonte di questo minerale, o anche solo dimezzarne il consumo medio, che è di circa 12g al giorno, in modo da mantenere il gusto soddisfatto.

Sale e zucchero: insegnare fin da neonati il gusto per cibi

Oltre a sale e zucchero aggiunti da noi in fase di preparazione, è bene prestare attenzione a quelli nascosti nei prodotti in fase di produzione a livello industriale: è importante leggere attentamente le etichette per evitare gli eccessi di sostanze a base di sodio o molto zuccherine. 
Insegnare fin da neonati il gusto per cibi meno salati è possibile e importante per evitare i problemi legati all’eccessivo consumo di sale in età adulta. Per lo zucchero invece la questione è più complicata, perché come abbiamo accennato si tratta di un desiderio innato dell’organismo, ma è possibile indirizzare il gusto verso alimenti zuccherini ma anche sani e ricchi di altri nutrienti, come la frutta.

Sale e zucchero: ecco qualche suggerimento per ridurre il loro consumo

Ecco qualche suggerimento per ridurre il consumo di sale e zucchero:

  • Abituarsi fin da piccoli a non zuccherare latte, tè, yogurt e caffè
  • Evitare le caramelle, preferendo piuttosto gomme da masticare senza zucchero
  • Preferire i succhi di frutta senza zuccheri aggiunti alle bibite gassate
  • Non abituare i bambini a ricevere dolci come premi e gratificazioni
  • La frutta è una merenda sana naturalmente dolce
  • Snack, patatine, popcorn e noccioline sono ricchi di sale aggiunto e vanno consumati con estrema moderazione
  • Il sale può essere sostituito nelle preparazioni dalle erbe aromatiche
  • Togliere la saliera dalla tavola farà venire meno voglia di usarla
  • Si può educare il palato a mangiare meno salato riducendo il sale nell’acqua di cottura di pasta e riso
  • Evitare formaggi e salumi molto salati
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Per prenotare una visita chiama

Post recenti