Radiofrequenza e ultrasuoni contro la cellulite

 In News, Vario

Per contrastare la cellulite, centri medici o istituti estetici offrono trattamenti all’avanguardia grazie ad apparecchiature che consentono di raggiungere i tessuti in profondità, riattivare la circolazione rallentata, drenare i liquidi ristagnanti e rompere i legami fibrosi che intrappolano le cellule adipose.

Le tecnologie oggi considerate più valide contro i cuscinetti sono quelle a ultrasuoni e a radiofrequenza, capaci di “bombardare” le cellule adipose e migliorare la compattezza della cute.

Radiofrequenza

Le apparecchiature a radiofrequenza sono efficaci in particolare per contrastare gli inestetismi della cute, come rilassamento, irregolarità e pelle a “buccia di arancia”.

Sfruttano l’azione del “calore” prodotto dallo spostamento di elettroni da una carica positiva a una negativa. Nel manipolo per l’applicazione della radiofrequenza sono quindi sempre presenti 2 poli, negativo e positivo, per ottenere questo passaggio di elettricità attraverso la pelle.

L’effetto è un riscaldamento dei tessuti in profondità, che come conseguenza diretta provoca un accorciamento delle fibre elastiche sottocutanee di circa il 40% (con l’effetto immediato di contrazione dei tessuti) e la produzione, da parte dei fibroblasti, di nuove fibre collagene nei 3-6 mesi successivi al trattamento.

Sul piano estetico il risultato è il ricompattamento dei tessuti, la riduzione delle irregolarità cutanee e un aspetto generale di pelle più liscia, tonica, giovane

Ultrasuoni

Sono numerose le apparecchiature di uso medico o dei centri estetici che si avvalgono della tecnologia a ultrasuoni per contrastare gli inestetismi della cellulite. Due le ragioni che li rendono adatti per il trattamento dei depositi adiposi e dei cuscinetti più resistenti:

  1. Gli ultrasuoni riescono ad attraversare gli strati cutanei e a raggiungere i tessuti più profondi tramite la semplice applicazione dall’esterno.
  2. Una volta penetrati sottopelle agiscono come un’onda d’urto che, in base alla potenza d’emissione, mobilizza sempre più le cellule adipose fino a comprimerle e a provocare la rottura della loro membrana esterna (lipo-lisi. In questo modo il grasso contenuto al loro interno fuoriesce e può essere smaltito dagli organi emuntori, come fegato e reni.

Per il trattamento della cellulite gli ultrasuoni vengono impiegati da soli o combinati con altre tecnologie. In base alla potenza con cui sono emessi, ad applicarli può essere l’estetista o il medico estetico.

Recommended Posts
CONTATTACI

Se hai bisogno di informazioni non esitare a contattarci via email o telefonando allo 011 500000!