Quanto è importante la Vitamina D nella prevenzione del Coronavirus?

La vitamina D, come la vitamina C, lo zinco , il selenio e il magnesio sono dei micronutrienti importanti che sostengono il funzionamento del sistema immunitario. In particolare la vitamina D potrebbe avere un ruolo di prevenzione e terapeutico nella gestione della pandemia da Covid-19.
Come confermato dallo studio degli scienziati dell’Università di Torino (prof. Giancarlo Isaia e prof. Enzo Medico) riportato qui.
La vitamina D una volta sintetizzata dalla cute per esposizione solare (80%) o assunta con gli alimenti viene depositata nel tessuto adiposo e rilasciata gradualmente dove agisce sui diversi tessuti con un meccanismo simil-ormonale.
Numerose evidenze scientifiche hanno rilevato una correlazione tra infezione respiratoria di origine virale e la sua capacità di contrastare il danno polmonare dall’infiammazione.

Vi lascio un elenco di 9 alimenti più salutari ricchi di vitamina D:

  1. salmone selvatico (100 g) contengono 1.300 IU di vitamina D
  2. aringa fresca (100 g) fornisce 1.628 IU di vitamina D
  3. Olio di fegato di merluzzo (5 ml) contiene 450 IU di vitamina D
  4. tonno in scatola (100 g) contiene fino a 236 IU di vitamina D
  5. ostriche (100 g) forniscono 320 IU di vitamina D
  6. gamberi (una porzione) contengono 152 IU di vitamina D
  7. un tuorlo di uova contiene tra i 18 e i 39 IU di vitamina D
  8. funghi selvatici ( 100 g) alcune varietà contengono fino a 2.300 IU di vitamina D2
  9. succo d’arancia (237 ml) contiene fino a 142 IU di vitamina D
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Per prenotare una visita chiama

Post recenti