Omocisteina

 In Dieta

L’omocisteina è un aminoacido solforato prodotto dal nostro metabolismo tramite trasformazione enzimatica della metionina, che assorbiamo con il consumo di carne, uova, latticini e legumi.

È contenuta anche in alcuni farmaci di uso comune, come la pillola anticoncezionale, il metotrexate e la carbamazepina.

Insieme al colesterolo, costituisce uno dei principali fattori di rischio cardiovascolare (incusi trombosi, aterosclerosi, infarti e ictus), peggiorando situazioni già esistenti di ipertensione arteriosa, ipertiroidismo, diabete e simili. Alcune condizioni, come una dieta povera di vegetali, il fumo, malattie ereditarie, consumo eccessivo di bevande eccitanti e carenza di folati contribuiscono ad innalzare i valori di omocisteina e conseguentemente il rischio per la salute.

Il dosaggio di farmaci contenenti omocisteina per pazienti che già presentano fattore di rischio cardiovascolare dovrebbe essere ancora più attentamente controllato, ma l’aiuto principale proviene dalla dieta, che dovrebbe essere arricchita da alimenti che contengono acido folico e vitamine B6 e B12.

L’acido folico, di cui sono ricchi i vegetali a foglia verde, i cereali, i fagioli, le lenticchie e le arance, regola i livelli di omocisteina nel sangue, mantenendoli sotto controllo. Sostituendo alla carne legumi e pesce almeno 3-4 volte a settimana si introduce una buona quantità di vitamina B6 e B12 che rinforzano ulteriormente l’azione protettiva dell’acido folico. È essenziale inoltre assumere regolarmente e più volte al giorno cibi ricchi di fibre e sostituire ai grassi saturi di burro, insaccati e formaggi grassi quelli insaturi di olio d’oliva o di semi e del pesce, nonché intraprendere abitudini di vita sane come interrompere il fumo, l’abuso di alcol e caffeina e fare della regolare attività fisica.

Per prenotare una visita chiama

CONTATTACI

Se hai bisogno di informazioni non esitare a contattarci via email o telefonando allo 011 500000!