L’aloe vera

 In News, Vario

L’Aloe è una pianta originaria dell’Africa, che si è poi diffusa in Asia, America e infine in Europa.

Dalle sue foglie è possibile ricavare un gel e un succo.

Il gel si ottiene per spremitura del tessuto parenchimale interno delle foglie, è opalescente e sensibile sia alla luce che alla temperatura e per questo, una volta ottenuto, deve essere conservato in contenitori scuri e in ambienti freschi in cui la temperatura non superi i 20°C. È ricco di mucillagine, di polisaccaridi come il glucomannano e di altri composti organici e inorganici. Il lattice di Aloe, più comunemente conosciuto come succo di Aloe si ottiene, invece, da cellule specializzate chiamate tubuli periciclici che si trovano immediatamente sotto la pellicola superficiale delle foglie. Il succo risulta ricco di pectina, di glicosidi, di antrachinoni aloina A e aloina B.

L’uso principale del gel di Aloe è come trattamento locale per curare piccole ferite, piccole ustioni o irritazioni della pelle e la sua applicazione sembra in effetti migliorare lo stato della pelle. Recentemente uno studio scientifico ha portato come conclusione che l’uso di gel orale al 2% di Aloe vera in pazienti affetti da stomatite aftosa ricorrente non è solo efficace nel diminuire il dolore e le dimensioni della ferita, ma riduce anche il periodo di guarigione della ferita stessa. Per quanto riguarda ferite più profonde, come quelle chirurgiche, il gel oltre a non avere alcun effetto sembra ritardare la guarigione.

Dal gel di Aloe è stata da poco isolata una proteina di 14 kDa che ha mostrato una potente attività anti-fungina nei confronti di Candida parapsilosis, Candida krusei e Candida albicans. Inoltre, questa proteina ha anche mostrato proprietà antinfiammatorie agendo contro la ciclossigenasi-2 (COX-2), enzima deputato alla sintesi di prostaglandine che agiscono localmente regolando l’ampiezza e la durata della reazione infiammatoria. Per questi motivi si può ipotizzare che nel prossimo futuro tale proteina sarà utilizzata per la preparazione di rimedi antifungini e antinfiammatori.

Per quanto riguarda le proprietà del lattice o succo di Aloe è stato provato il suo effetto lassativo. In base ad alcuni studi scientifici, gli antrachinoni contenuti nel lattice aumentano la peristalsi intestinale e rendono le feci più morbide. Questi benefici contro la stipsi si hanno in combinazione con altri lassativi come lo psillio . Come effetti collaterali in seguito a un uso eccessivo o prolungato di succo di Aloe si possono avere diarrea e crampi addominali. Inoltre in base ad alcuni studi preliminari (che quindi devono essere confermati) si ritiene che l’uso di aloe determini una diminuzione dei livelli di glucosio nel sangue, per cui pazienti che usano farmaci ipoglicemizzanti devono prestare attenzione.

Per tutti gli altri utilizzi del gel e del succo di Aloe vera non c’è, almeno per ora, riscontro scientifico.

(da “La scuola di Ancel )

Recent Posts
CONTATTACI

Se hai bisogno di informazioni non esitare a contattarci via email o telefonando allo 011 500000!