L’intelligenza del corpo e le trasmissioni inconsapevoli

 In Nutrition Coach

L’INTELLIGENZA EMOZIONALE

L’intelligenza emozionale, ovvero i diversi modi in cui le emozioni sono regolate dal cervello, è uno degli ingredienti per il successo nella vita.
Nel nostro vivere si sta discutendo in modo piuttosto elusivo sull’importanza del benessere, della meditazione, dell’intuizione e dell’istinto, basandosi su recenti scoperte scientifiche e di neuroscienze affettive. Nel contesto del coaching queste informazioni sono suggerite ma non ancora colte a pieno: il pezzo mancante potrebbe essere l’intelligenza del corpo.

L’INTELLIGENZA CORPORALE

Non sono le scelte razionali e consapevoli a influenzare davvero la nostra vita, quanto i messaggi inconsapevoli che partono da noi e che la gente coglie, e nel coach questa è l’informazione chiave per ottenere quello che i clienti cercano di far emergere. Il corpo funziona come un ponte tra la nostra parte inconsapevole e quella consapevole.
Le applicazioni più comuni dell’intelligenza corporale sono ascoltare, capire e dare segnali somatici non fraintendibili.
La sinestesia è l’idea per cui possiamo vedere dei suoni, sentire delle immagini, assaporare le parole, e per cui quelle parole possono avere colore, movimento, sentimento, sapore. L’intelligenza del corpo sta nel mescolarsi dei sensi, nell’insieme delle informazioni che arrivano attraverso tutti i canali del nostro corpo: centri energetici, pelle, mani, midollo spinale, bocca, naso, orecchie, occhi. Il corpo è come un’antenna gigante che riceve e trasmette informazioni di continuo.
Un esempio più visibile di trasmissione inconscia è quello dei gesti delle mani mentre parliamo: sono un importante pacchetto di informazioni inconsce che, quando incluse e capite, aprono la strada a nuove conversazioni altrimenti invisibili.

RAGGIUNGERE UNO STATO DI QUIETE GRAZIE AL COACH

Uno dei motivi per cui l’intelligenza corporea è ancora così elusiva è la dipendenza del mondo occidentale dallo stress, per cui è difficile raggiungere uno stato di quiete consapevole: abbiamo la mente conscia costantemente occupata e quella inconscia che lancia di continuo messaggi di cui non ci rendiamo conto.
Ciò nonostante, sviluppare la nostra intelligenza corporea e di conseguenza le aree inesplorate della nostra mente è possibile, ad esempio sfruttando le sessioni di coach per esercitare la quiete consapevole, prendendoci qualche minuto per connetterci con l’immobilità. Anche solo due minuti sono sufficienti per dare benefici al corpo, rendere la nostra mente più attenta alle informazioni inconsce e aumentare il senso di benessere.

Per prenotare una visita chiama

CONTATTACI

Se hai bisogno di informazioni non esitare a contattarci via email o telefonando allo 011 500000!