Trattare le smagliature

 In News, Vario

La definizione “striae distensae”, o più comunemente “smagliature”, si riferisce a lesioni cutanee lineari di tipo atrofico che appaiono frequentemente, non solo in relazione a diverse condizioni patologiche (obesità) e iatrogene (terapie cortisoniche topiche e sistemiche), ma anche fisiologiche (pubertà e gravidanza).

Sono due le fasi evolutive delle smagliature: una prima fase, quasi sempre presente, di tipo “infiammatorio”, che dura da alcuni mesi a 24 mesi, in cui le smagliature si estendono in genere lentamente e assumono un colorito che va dal rosa al rosso intenso. In questa fase iniziale le smagliature vengono definite “striae rubrae”.

L’altra fase lascia il posto ad un colorito biancastro, mentre la superficie da liscia si fa convessa, cedevole al tatto, con piccole increspature all’asse della stria. In questa fase, di tipo cicatriziale, si parla di “striae albae”. In conclusione si puo’ affermare che le smagliature siano lesioni provocate da un danno del tessuto connettivo dermico che si abbina spesso a fenomeni di tipo infiammatorio e si trasforma in esito cicatriziale.Si puo’ inoltre dire che le smagliature rappresentano una alterazione cutanea definitiva causata da sollecitazioni meccaniche di tipo distensivo (stiramento) su cute con una ridotta capacita’ di resistenza a causa di fattori costituzionali e/o ormonali

Rimuovere le smagliature con il peeling chimico

Una tecnica professionale per togliere le smagliature è il peeling chimico, una procedura medica che consiste nell’esfoliazione chimica della cute. Il peeling è molto utilizzato in medicina estetica: grazie alle sue caratteristiche, infatti, oltre alle smagliature, consente di trattare le macchie del volto, le prime rughe, le cicatrici acneiche e tutte le piccole imperfezioni estetiche che si localizzano sulla pelle.

La seduta per togliere le smagliature con il peeling dura pochi minuti e prevede l’applicazione sulla zona da trattare, da parte di un medico, di un mix di sostanze acide che sollevano delicatamente gli strati superficiali della pelle, esponendo quelli sottostanti. In tal modo, quindi, le smagliature si riducono d’intensità e la cute si rigenera, nutrita anche dalle creme applicate  dopo i trattamento.

L’ applicazione IPL  si può considerare come una forma di terapia delle smagliature, sottolineando  che l’obiettivo è di “stimolare” il derma, riattivando i fibroblasti e favorendo un processo riparativo con riorganizzazione delle fibre. Premessa costante di ogni trattamento è però la necessità di un suo inizio precoce e di un programma di trattamento con IPL che duri almeno 3-4 mesi.

Risultati

Nel caso di striae di recente insorgenza (rubrae) si ottiene un miglioramento netto delle lesioni caratterizzato da variazione di colore, riduzione delle dimensioni, sino a tendere alla scomparsa delle lesioni stesse. Minori risultati si ottengono con le striae albae: in questi casi si nota comunque una tendenza alla riduzione di spessore dei margini, la tendenza alla riduzione dell’atrofia ma non significative variazioni cromatiche.

Recommended Posts
CONTATTACI

Se hai bisogno di informazioni non esitare a contattarci via email o telefonando allo 011 500000!