morbo-di-crohn

Una malattia infiammatoria cronica dell’intestino è caratterizzata da infiammazione persistente del tratto intestinale.

Le due condizioni che rientrano nella categoria sono il Morbo di Crohn e la rettocolite ulcerosa.

I sintomi, tra cui dolore addominale, diarrea, calo ponderale, perdita di appetito e stanchezza, possono persistere per settimane o anni, così come scomparire per lunghi periodi di tempo.

Con il Morbo di Crohn, l’infiammazione in tutti gli strati della parete intestinale impedisce al piccolo intestino di ricevere sostanze nutritive correttamente e disturba il delicato equilibrio di acqua necessaria per smaltire gli alimenti lungo l’intestino. Questo può portare a diarrea inarrestabile, oltre a perdita di appetito, carenze di vitamine e minerali.

Con la rettocolite ulcerosa, il rivestimento interno del crasso si infiamma, impedendo il normale assorbimento di acqua dal colon negli ultimi 150 cm di intestino, causando diarrea e disagio estremo.

Il cibo non è in grado di prevenire o curare la patologia infiammatoriaintestinale, ma la giusta dieta può diminuire i sintomi. La strategia è concentrarsi su alimenti che riducono l’infiammazione, per cercare di ristabilire una flora intestinale equilibrata.

cibi alleati

  1. Cibi a basso contenuto di fibre
    Le fibre irritano la parete intestinale perché non vengono digerite e sono fonte di nutrimento per i batteri intestinali favorendone la moltiplicazione.
  1. Olio d’oliva
    L’olio di oliva è ricco di antiossidanti chiamati flavonoidi, che proteggono le cellule del corpo dall’usura quotidiana. I flavonoidi possono aiutare a ridurre l’infiammazione neutralizzando i radicali liberi che contribuiscono alla sua formazione. L’olio extra vergine di oliva ha il maggior numero di flavonoidi.
  1. Probiotici in quantità moderata
    I probiotici sono batteri benefici presenti nei prodotti lattiero-caseari fermentati come lo yogurt, latticello e kefir. Aggiungerli alla dieta aiuta a mantenere i batteri intestinali sotto controllo.
  1. Fonti di acidi grassi omega-3
    Gli acidi grassi omega-3 combattono l’infiammazione. Salmone e altri pesci ricchi di grassi sono le migliori fonti. In uno studio recente, alcuni pazienti con il Morbo di Crohn che hanno mangiato 100 grammi o più di pesce al giorno per due anni, hanno abbassato le loro probabilità di recidiva dal 58% al 20%. Semi di lino, olio di lino e noci contengono acidi grassi essenziali, ma non vengono convertiti in modo efficace dal corpo per ottenere i tipi di omega-3 che combattono l’infiammazione (ovvero, le specie presenti nel pesce), tuttavia le persone che hanno difficoltà a mangiare il pesce, troveranno questi alimenti sicuramente d’aiuto.
  1. Acqua
    La presenza di diarrea cronica esalta il rischio di disidratazione.  Si consiglia di bere almeno otto bicchieri da 250 ml di acqua. Evitare assolutamente succhi acidi, come ananas o pomodoro, che possono irritare l’apparato digerente, così come evitare le bevande gassate, che possono contribuire al gonfiore. I polifenoli del tè verde possono contribuire a ridurre la diarrea.

Per prenotare una visita chiama

In questa Sezione

Obesità e
sovrappeso

obesit-e-sovrappeso

Per obesità si intende un’alterazione metabolica caratterizzata da un disequilibrio tra massa grassa e massa magra…

Disturbi del comportamento alimentare

disturbi-alimentari

Secondo quanto indicato nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali dell’American Psychiatric Association…

Dieta low fodmap e
l’intestino irritabile

dieta-low-fodmap-e-la-sindrome-da-intestino-irritabile1

La sindrome da intestino irritabile, o IBS, con le patologie infiammatorie intestinali (IBD) sono tra i disturbi gastrointestinali…

Anoressia nervosa

anoressia-nervosa

L’anoressia nervosa rientra nella classificazione dei disturbi dell’alimentazione insieme alla bulimia nervosa…

Bulimia Nervosa

bulimia-nervosa

La bulimia nervosa rientra nella classificazione dei disturbi dell’alimentazione insieme all’anoressia nervosa…

Diabete

diabete

Il diabete è una sindrome che comprende un gruppo di malattie metaboliche causate o da un difetto assoluto di secrezione dell’insulina…

Problemi
cardiovascolari

problemi-cardiovascolari

I problemi cardiovascolari sono un gruppo di patologie che colpiscono cuore e vasi sanguigni…

Sindrome dell’ovaio
policistico

sindrome-ovaio

La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) è un disturbo a livello endocrino che colpisce circa il 5-10% della popolazione femminile in età…

Morbo di crohn e rettocolite ulcerosa

morbo-di-crohn

Una malattia infiammatoria cronica dell’intestino è caratterizzata da infiammazione persistente del tratto intestinale ….

Celiachia

celiachia

La celiachia (MC) è una patologia infiammatoria cronica autoimmune, caratterizzata da un appiattimento…

Dislipidemia

dislipidemia

Le dislipidemie sono processi morbosi caratterizzati da alterazioni quantitative e/o qualitative della produzione…

Patologie tumorali

Morbo di crohn e rettocolite ulcerosa

Un’alimentazione non corretta dal punto di vista qualitativo e quantitativo aumenta sensibilmente il rischio di tumore maligno: si stima…

Endometriosi

endometriosi

L’endometriosi è una patologia estrogeno-dipendente caratterizzata dalla presenza di cellule dell’endometrio…

Disturbi della tiroide

tiroide

Il 10% della popolazione italiana soffre di disturbi della tiroide. Lo iodio è un elemento fondamentale per la sintesi di ormoni tiroidei…

Iperuricemia

iperuricemia

Secondo gli ultimi dati epidemiologici sull’incidenza di malattie metaboliche, i livelli medi di acido urico nel sangue stanno…

CONTATTACI

Se hai bisogno di informazioni non esitare a contattarci via email o telefonando allo 011 500000!