endometriosi

L’endometriosi è una patologia estrogeno-dipendente caratterizzata dalla presenza di cellule dell’endometrio (ossia del tessuto che riveste l’interno della cavità uterina) al di fuori dell’utero,

in sedi anomale come le ovaie, le tube, i legamenti che circondano l’utero e il peritoneo (membrana che riveste l’interno della cavità addominale e pelvica), talvolta addirittura nella vescica e nell’intestino e, più raramente, in organi lontani dalla cavità peritoneale (ad esempio nei polmoni).

Il sintomo principale di questa malattia è il dolore, ma anche gonfiore addominale, perdite di sangue anomale o affaticamento cronico devono far accendere un campanello d’allarme anche perché si tratta di una patologia troppo spesso sottovalutata: si stima che in Italia servano in media otto anni prima di arrivare alla diagnosi.

Per riuscire a dare una soluzione globale alla donna affetta da endometriosi è importante la collaborazione di un team multidisciplinare di professionisti tra i quali medici generalisti, ginecologi, chirurghi, nutrizionisti, urologi, gastroenterologi, endocrinologi, immunologi, psicoterapeuti, ciascuno dei quali svolge un ruolo molto importante nel fornire alla donna un trattamento individuale e relativo alla specifica sfera di studio.

I più recenti studi scientifici hanno suggerito che cambiamenti dietetici volti a diminuire i livelli circolanti nel sangue di estrogeni (ovvero gli ormoni che determinano un aumento delle cellule endometriali) e ad incrementare le sostanze naturalmente antinfiammatorie possono migliorare i sintomi e il dolore causato dall’endometriosi.

In sintesi, i consigli dietetici che è raccomandabile seguire sono:

  • ridurre il consumo di carne rossa, insaccati e grassi animali
  • evitare la margarina, lo strutto ed i prodotti contenenti acidi grassi idrogenati
  • prediligere come condimento l’olio extravergine di oliva a freddo
  • assumere almeno due porzioni di pesce alla settimana, privilegiando salmone e pesce azzurro, evitando squalo e pesce spada, in quanto a maggior rischio di contaminazione con mercurio
  • assumere cinque porzioni complessivamente di frutta e verdura fresca al giorno
  • limitare l’assunzione di zuccheri semplici
  • moderare l’uso di cibi ricchi in fitoestrogeni, quali la soia
  • moderare l’uso di bevande contenenti zucchero o caffeina, soprattutto bevande energetiche, ma anche caffè e . È consentito l’uso di tè verde, soprattutto se decaffeinato
  • limitare il consumo di alcool
  • ridurre o eliminare possibilmente cibi contenenti conservanti (in scatola o confezionati) e coloranti.

Non esiste evidenza della necessità di eliminare il grano, e tutti i prodotti contenenti glutine, a meno che non sia stata diagnosticato il morbo celiaco. Potrebbe essere utile alternare il grano ad altri cereali, quali farro, orzo, avena, mais, riso, quinoa, al fine di sfruttare le proprietà nutrizionali di diversi tipi di alimenti. Deve essere valutata caso per caso la necessità di eliminare i cibi istamino-liberatori, quali fragole, cioccolato, pomodori, formaggi fermentati, molluschi.

Un eventuale colon irritabile deve essere trattato mediante l’associazione con fibre (ad esempio glucomannano), abbondante idratazione e limitazione di cibi irritanti, quali cioccolato, latte, caffeina. Ricordiamo infatti che il colon irritabile è causa di dolore addomino-pelvico cronico, che si va a sommare a quello legato all’endometriosi in sè.

Inoltre, sarebbe importante indagare l’esistenza di intolleranza al lattosio, altra causa di gonfiore e dolori addominali, ed eventualmente ridurre o eliminare il consumo di latticini.

Uno stile di vita sano, corredato da una moderata attività sportiva regolare, è altamente raccomandato.
Le discipline orientali, come lo yoga e il tai-chi, sembrano avere effetti benefici sul controllo del dolore mestruale.

Per prenotare una visita chiama

In questa Sezione

Obesità e
sovrappeso

obesit-e-sovrappeso

Per obesità si intende un’alterazione metabolica caratterizzata da un disequilibrio tra massa grassa e massa magra…

Disturbi del comportamento alimentare

disturbi-alimentari

Secondo quanto indicato nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali dell’American Psychiatric Association…

Dieta low fodmap e
l’intestino irritabile

dieta-low-fodmap-e-la-sindrome-da-intestino-irritabile1

La sindrome da intestino irritabile, o IBS, con le patologie infiammatorie intestinali (IBD) sono tra i disturbi gastrointestinali…

Anoressia nervosa

anoressia-nervosa

L’anoressia nervosa rientra nella classificazione dei disturbi dell’alimentazione insieme alla bulimia nervosa…

Bulimia Nervosa

bulimia-nervosa

La bulimia nervosa rientra nella classificazione dei disturbi dell’alimentazione insieme all’anoressia nervosa…

Diabete

diabete

Il diabete è una sindrome che comprende un gruppo di malattie metaboliche causate o da un difetto assoluto di secrezione dell’insulina…

Problemi
cardiovascolari

problemi-cardiovascolari

I problemi cardiovascolari sono un gruppo di patologie che colpiscono cuore e vasi sanguigni…

Sindrome dell’ovaio
policistico

sindrome-ovaio

La sindrome dell’ovaio policistico (PCOS) è un disturbo a livello endocrino che colpisce circa il 5-10% della popolazione femminile in età…

Morbo di crohn e rettocolite ulcerosa

morbo-di-crohn

Una malattia infiammatoria cronica dell’intestino è caratterizzata da infiammazione persistente del tratto intestinale ….

Celiachia

celiachia

La celiachia (MC) è una patologia infiammatoria cronica autoimmune, caratterizzata da un appiattimento…

Dislipidemia

dislipidemia

Le dislipidemie sono processi morbosi caratterizzati da alterazioni quantitative e/o qualitative della produzione…

Patologie tumorali

Endometriosi

Un’alimentazione non corretta dal punto di vista qualitativo e quantitativo aumenta sensibilmente il rischio di tumore maligno: si stima…

Endometriosi

endometriosi

L’endometriosi è una patologia estrogeno-dipendente caratterizzata dalla presenza di cellule dell’endometrio…

Disturbi della tiroide

tiroide

Il 10% della popolazione italiana soffre di disturbi della tiroide. Lo iodio è un elemento fondamentale per la sintesi di ormoni tiroidei…

Iperuricemia

iperuricemia

Secondo gli ultimi dati epidemiologici sull’incidenza di malattie metaboliche, i livelli medi di acido urico nel sangue stanno…

CONTATTACI

Se hai bisogno di informazioni non esitare a contattarci via email o telefonando allo 011 500000!