Il diabete può essere curato chirurgicamente?

 In Benessere, Verdure

La crescente diffusione dell’obesità e del diabete

La sempre crescente diffusione dell’obesità e del diabete mellito di tipo 2 (T2DM) sono strettamente associate e rappresentano due grosse minacce per la salute pubblica. Anche se cambiamenti nello stile di vita e terapie mediche sono i trattamenti più diffusi per queste patologie, un adeguato controllo glicemico è difficile da ottenere per la maggior parte dei pazienti obesi con T2DM. Molti pazienti diabetici soffrono anche di ipertensione e alti livelli di lipoproteina a bassa densità (LDL).

Il Bypass gastrico per curare il diabete?

Da quando un primo studio ha descritto la remissione del T2DM dopo il bypass gastrico Roux-en-Y, diversi gruppi hanno dimostrato i benefici di altre procedure bariatriche laparoscopiche, per poi interessarsi ai meccanismi che conducono a questi risultati clinici e alla durabilità degli effetti. La Federazione Internazionale per il diabete ha pertanto riconosciuto gli interventi bariatrici come un’opzione terapeutica efficace per i pazienti obesi con T2DM.

Il problema è che la maggior parte della letteratura che supporta queste procedure studia un periodo di follow-up breve, di circa due anni. I pochi studi che trattano un follow-up a lungo termine non riescono ad analizzare se sia più efficace un trattamento con bypass o uno senza.
Anche gli effetti e le complicazioni dei cambiamenti metabolici in seguito agli interventi bariatrici hanno bisogno di ulteriori studi per essere chiariti, perché alcuni pazienti con un’iniziale remissione del diabete potrebbero avere delle ricadute nel tempo.

Gli studi svolti

È stato quindi effettuato uno studio volto a dimostrare gli effetti a lungo termine della chirurgia bariatrica in pazienti diabetici e ad identificare i fattori predittivi per la remissione e la ricaduta della patologia, oltre che a comparare gli effetti metabolici delle diverse procedure bariatriche e a comprendere l’effetto a lungo termine dell’intervento di bypass gastrico sulle nefropatie collegate al diabete. I pazienti interessati dallo studio avevano ricevuto diagnosi di diabete prima dell’operazione ed era disponibile documentazione di follow-up per almeno 5 anni dopo l’intervento. Sono stati esclusi invece i pazienti che hanno subito un secondo intervento correttivo o reversivo nei 5 anni successivi al primo. I soggetti interessati dallo studio sono stati in totale 219, con un follow-up medio di 6 anni, e si sono sottoposti a bypass gastrico, bendaggio gastrico e gastrectomia a manica.

Nell’analisi dei risultati sono stati considerati effetti a breve termine i parametri clinici registrati entro due anni dall’operazione, ed effetti a lungo termine i parametri registrati dopo 5 anni. La percentuale di peso in eccesso perso è stato calcolato in relazione di un BMI ideale di 25kg/m2. Il recupero di peso causato dalla ricaduta del T2DM è stato definito come un aumento del BMI di 5 o più kg/m2 rispetto alla misurazione migliore. La remissione a lungo termine è stata definita come una remissione completa o parziale del diabete nei 5 anni successivi all’intervento. Se la remissione dura per più di questo termine, la patologia è considerata curata. Il controllo dell’ipertensione è stato definito come pressione sanguigna sistolica inferiore a 130mm Hg e diastolica inferiore a 80mm Hg. Il controllo di colesterolo è lipidi è stato definito con un tasso di LDL inferiore a 100mg/dL e di trigliceridi inferiore a 150mg/dL.

 Il 27% dei pazienti di bypass gastrico ha avuto una completa remissione

La perdita di peso a breve e lungo termine per la totalità del campione è stata dell’11% più alta per chi si è sottoposto a bypass gastrico. Il 24% dei soggetti ha ottenuto una remissione completa a lungo termine del T2DM e il 26% ha ottenuto una remissione parziale. Il 34% ha ottenuto miglioramenti nel controllo a lungo termine della glicemia, mentre il 16% non ha ottenuto miglioramenti o è peggiorato. Il 19% ha avuto una ricaduta dopo un’iniziale remissione. I pazienti che si sono sottoposti a bypass gastrico hanno ottenuto un profilo glicemico migliore e una completa remissione a lungo termine nel 27% dei casi. In generale è diminuito il numero di pazienti che sul lungo termine ha continuato ad assumere farmaci e terapie insuliniche, e quelli che hanno continuato ne hanno assunti meno.

Il confronto con le altre operazioni chirurgiche

I predittori della remissione diabetica sono risultati essere una durata inferiore della patologia (76% di remissione con T2DM di durata inferiore a 5 anni, contro il 21% con T2DM di durata superiore a 5 anni), una maggior percentuale di peso perso all’ultimo controllo di follow-up, e aver subito il bypass gastrico piuttosto che il bendaggio. La minore efficacia delle altre tecniche restrittive rispetto al bypass fa riferimento al lungo termine, perché a breve termine i cambiamenti metabolici provocati da queste operazioni danno ottimi risultati, anche se lo scarso numero di operazioni riportate non permette di trarre conclusioni definitive. È anche da notare che queste tecniche sono più comuni tra gli anziani, che quindi hanno sofferto di diabete più a lungo, pertanto i risultati potrebbero essere inferiori anche per questo motivo.

È stato successivamente dimostrato che maggiori sono i miglioramenti nel controllo glicemico, più a lungo durano influenzando in modo benefico la salute cardiovascolare e riducendo il rischio di infarto. Questi miglioramenti avvengono anche in caso di ricadute, che generalmente potrebbero essere considerate un fallimento: in ogni caso, l’intervento comporta dei benefici per la salute generale dell’individuo.

La chirurgia bariatrica porta un netto miglioramento

In generale è possibile dichiarare che, per quanto lo studio sia parzialmente incompleto per mancanza di dati e abbia una percentuale d’errore, gli interventi di chirurgia bariatrica portano ad un netto miglioramento sul lungo termine delle condizioni dei pazienti diabetici sia per quanto riguarda la patologia in sé che per i fattori di rischio ad essa correlati, con una cura completa nel 27% dei pazienti di bypass gastrico e un alto tasso di remissione a lungo termine in caso di intervento entro 5 anni dalla diagnosi.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Per prenotare una visita chiama

CONTATTACI

Se hai bisogno di informazioni non esitare a contattarci via email o telefonando allo 011 500000!