Carenza di magnesio

Il magnesio è un minerale contenuto in molti cibi ed essenziale per diverse funzioni fisiologiche, come la regolazione del sistema neurale, dell’attività muscolare e della pressione sanguigna, il buon funzionamento dello scheletro, del metabolismo dei grassi e dellala sintesi proteica.
Si tratta di un macronutriente presente al 60% nelle nostre ossa e all’1% in muscoli e sangue. Viene assorbito dall’intestino tenue e filtrato dai reni. Il nostro corpo lo elimina attraverso urina, feci e sudore, ma tende ad accumularne scorte nelle ossa e nel fegato per supplire al continuo smaltimento e mantenere costanti i suoi livelli nelle cellule.
La carenza di magnesio non ha sintomi specifici e può essere pertanto confusa con altri disturbi. La sua diagnosi richiede un esame del sangue e del plasma. Solitamente i fattori a cui prestare attenzione sono malesseri, affaticamento, nausea, mancanza di appetito, indebolimento muscolare, crampi addominali, brividi e mancanza di coordinazione, palpitazione, depressione, irritabilità e insonnia.
Se necessario il medico può prescrivere integratori di magnesio, di cui però non bisognerebbe fare uso in modo autonomo.
Un aiuto può invece arrivare dalla dieta: contengono magnesio i vegetali a foglia verde, i carciofi, i broccoli, i cavoli e i cavolfiori, oltre ai prodotti a base di cereali come pasta e riso integrali, perchè con la raffinatura e l’eliminazione della crusca viene disperso anche l’80% del magnesio.
Sono importanti anche i legumi, come piselli, fagioli, lenticchie e ceci, la frutta secca, cacao, cioccolato fondente e acque arricchite di minerali.
La frutta, fatta eccezione per banane, fichi, pesche e avocado, e i prodotti di origine animale contengono poco magnesio.
Inoltre i cibi ricchi di fibre, ossalati e fitati possono ridurre la biodisponibilià del magnesio inibendone l’assorbimento da parte dell’organismo.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Per prenotare una visita chiama

Post suggeriti