Alternative alla farina “00”

 In Dieta, News, Vario

La farina maggiormente utilizzata per la preparazione di prodotti da forno sia dolci che salati è quella di frumento di tipo 00, purtroppo è quella più povera  di elementi nutritivi , in quanto  priva di sali minerali e vitamine del gruppo B (presenti nella crusca che nel germe di grano).

Come variare la farina nella dieta

Per variare la propria alimentazione è possibile scegliere tra  alcune delle numerose tipologie di farine in commercio, da scegliere preferibilmente biologiche ed integrali.

  • di frumento integrale: può essere utilizzata al posto della farina 00 in ogni preparazione, sia dolce che salata, dal pane, alle torte, ai biscotti. La farina integrale apporta crusca, vitamina E, vitamine del gruppo B ed una maggiore quantità di sali minerali.
  • di ceci: è usata anche per la preparazione di pasta fresca, gnocchi, grissini, crespelle, plum-cake salati e biscotti dolci. È ideale per la panatura delle verdure e per la preparazione di hamburger vegetali. La farina di ceci si può ottenere in modo casalingo, a partire dai ceci secchi.
  • di farro integrale: è un’alternativa ad ogni tipo di farina di frumento specialmente in una dieta ricca di prodotti come la pasta. La farina di farro integrale racchiude le proprietà dei chicchi del cereale da cui è ottenuta. È ricca di sali minerali e può essere impiegata per la preparazione di prodotti da forno in generale.
  • d’avena integrale: per ottenere una dieta maggiormente ricca di nutrienti la farina d’avena integrale può sostituire altre farine raffinate, è meno calorica ma più ricca di fibre e con un alto potere saziante rispetto alle farine di frumento. E’ utilizzata per preparare biscotti e plumcake, pane, oltre che per addensare le vellutate di verdura o di legumi.
  • di riso integrale: è considerata adatta all’impiego in cucina da parte di coloro che soffrono di intolleranze al glutine perché ne è completamente priva, nella preparazione casalinga di gnocchi, pasta fresca, per la panatura delle verdure e come addensante per budini e creme dolci.
  • di mais: viene tradizionalmente usata per la preparazione della polenta mentre la farina di mais a granelli più fini per la preparazione di piccole piadine o tortillas. In abbinamento ad altre farine può essere inoltre impiegata per la preparazione del pane, di biscotti, grissini e di altri prodotti da forno. La farina di mais è priva di glutine.
  • d’orzo integrale: la decorticatura dell’orzo è necessaria per eliminare la parte non digeribile del cereale. È ricca di sali minerali, come calcio, fosforo e potassio. Può essere utilizzata per la preparazione di pasta fresca e di alimenti da forno dolci e salati. Se ne consiglia l’unione con della farina di frumento integrale poiché non sviluppa glutine.
  • di castagne: la farina di castagne è naturalmente priva di glutine. Essa è utilizzata per la preparazione del castagnaccio o per torte e plumcake, semplicemente in sostituzione della farina 00 all’interno delle normali ricette. Con la farina di farro o di frumento integrale è adatta per la preparazione casalinga di pasta fresca, pane e biscotti.
  • di quinoa: si ottiene dalla macinazione dei chicchi di questo pseudo-cereale. La quinoa si differenzia dai cereali per il contenuto di lisina e per una maggiore ricchezza di amminoacidi. Può essere utilizzata nella preparazione del pane e di dolci da forno lievitati anche in abbinamento ad altre farine, come la farina di farro o di frumento integrale. È ricca di sali minerali come calcio, ferro e potassio.
  • di segale integrale: la farina di segale integrale può essere impiegata in abbinamento alla farina di farro o di frumento integrale per la preparazione di diverse tipologie di alimenti, come torte, biscotti e grissini. La farina di segale migliore viene ottenuta tramite macinazione a pietra.
Recommended Posts
CONTATTACI

Se hai bisogno di informazioni non esitare a contattarci via email o telefonando allo 011 500000!