Alimentazione e Invecchiamento della Pelle: ecco 4 nemici da evitare!

L’alimentazione è tra i principali responsabili dell’invecchiamento cutaneo.
La pelle è l’interfaccia con il mondo esterno e comunica il nostro equilibrio psicofisico, riflettendo lo stato di salute e di invecchiamento di tutto il corpo. La terapia antiaging, oltre alle varie metodiche impiegate per rallentare l’invecchiamento cutaneo, deve considerare lo stile di vita e l’alimentazione in particolare. È la dieta, infatti, che condiziona maggiormente la differenza del risultato dei trattamenti estetici. Ma quali sono gli alimenti da evitare?

Alimentazione e invecchiamento: quali sono i 4 nemici della pelle?

I processi che incidono sull’invecchiamento cutaneo sono 4 e sono tutti strettamente correlati al cibo. Quattro processi connessi tra loro che formano un vero e proprio circolo vizioso. Più precisamente, questi 4 nemici sono: la Glicazione, l’Insulinoresistenza, lo Stress Ossidativo e l’Infiammazione.

  • Glicazione: scatenata dall’eccesso di zuccheri, dalle diverse metodologie di cottura, dall’utilizzo di dolcificanti, tutti elementi che favoriscono la produzione dei cosiddetti AGEs (Advanced Glycation End products) che direttamente o dopo essersi legati a ricettori specifici, interagiscono, tra l’altro, con i fibroblasti e gli adipociti, determinando un’alterazione delle fibre collagene ed elastiche, fondamentali per la compattezza, l’elasticità e il turgore cutaneo.
  • Insulinoresistenza: ridotta capacità di far utilizzare il glucosio nelle cellule dell’organismo, causando un accumulo di grasso e una maggiore produzione di citochine infiammatorie con conseguente danno alle strutture cutanee.
  • Stress Ossidativo: ha un ruolo primario sul benessere di derma ed epidermide. Un’alimentazione tipicamente occidentale aumenta infatti la produzione di radicali liberi, i più grandi nemici della nostra pelle.
  • Infiammazione: generata da sedentarietà, fumo, farmaci, stress e una dieta ricca di grassi saturi e trans, ma anche di zuccheri semplici che favorisce l’alterazione della matrice extracellulare, dove si trovano le fibre collagene ed elastiche.

Alimentazione e invecchiamento: cosa fare o meglio mangiare?

È importante ridurre gli zuccheri semplici, i prodotti processati dall’industria alimentare e ricchi di sostanze aggiunte, controllare il consumo di frutta perché è ricca di fruttosio mentre favorire le verdure di stagione. Inoltre, è fondamentale controllare la filera da cui provengono i prodotti animali che sia corta e da allevamenti controllati anche sull’uso dei mangimi.

Per queste ragioni, prima di trattare un inestetismo, va sempre esaminato lo stile di vita del paziente e anche la sua alimentazione per formulare un progetto che sia innanzitutto di prevenzione e poi di correzione.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Per prenotare una visita chiama

Post recenti